domenica 29 settembre 2013

Il realismo magico-rinascimentale di Carmen Aldunate




Carmen Aldunate appartiene ad un gruppo di artisti orientati al nuova movimento figurativo ispirato al realismo magico della letteratura latino-americana , che fa dell'arte il rifugio del imprevedibile e immaginario.
L'artista è stata influenzata, nel suo lavoro dalla pittura che va dal Rinascimento al modernismo barocco.















Carmen Zita Aldunate Salas  nasce a Viña del Mar (Cile) il  10 febbraio del 1940.
Ha studiato presso la Pontificia Università Cattolica del Cile e poi alll' Università del Cile , nel mese di aprile per continuare specializzata nella Università della California a Davis,  avendo come suoi insegnanti, durante i cinque anni dei suoi studi,  Mario Carreño , Roser Bru , Nemesio Antunez , Delia del Carril , Mario Toral e José Balmes.
















L'artista lavora con olio su tela e pannelli di legno, soprattutto, ma anche con il disegno a matita e collage. Lavora preferibilmente in olio di grande formato su tela, olio su tavola, disegno a matita, pastello, tecnica mista, collage di legno fisso, legno tinto, dipinta e tagliata. La preponderanza che dà il disegno come base di qualsiasi tecnologia, è chiaramente evidente nelle sue stampe.














ll suo lavoro  evoca l'illustrazione fiorentina, citando in quasi tutta la sua produzione la Madonne del Rinascimento.  Con queste tecniche, ha sviluppato un tema che si concentra principalmente sulla figura femminile. 
Le sue donne sono  rappresentate con vesti fluenti, tuniche che ricordano i costumi medievali,     in mezzo a un clima psicologico che pervade i suoi quadri, alludendo al tragico e gli stati desolati dell'anima.














Molte volte il suo lavoro si concentra solo sul volto femminile, che appare isolato da qualsiasi quadro di riferimento, in una sorta di approccio in primo piano. La sua  pittura ricorda l'arte fiamminga del XV secolo. Nelle sue opere, i volti assumono l'aspetto di maschere e i costumi di conchiglie reali che si nascondono a vivere al di sotto della pura apparenza. Con questo, il pittore vuole simboleggiare tutto l'essere umano, in sostanza, non "dare la faccia" e la vita quotidiana con maschere diverse.













Nei suoi dipinti la figura umana ha un ruolo di primo piano : nella sua opera assume una narrazione di grande contenuto psicologico.  Utilizzando come iconografico per le donne , e più in particolare ai loro volti ;  il suo lavoro ha un forte accento sulla ricerca di mettere "un messaggio femminista denuncia elegante sarcasmo e umorismo oppressione e sofferenza psicologica che per secoli, le donne sono state vittime"





























Nessun commento:

Posta un commento