martedì 28 gennaio 2014

Il Messico di Jesus Helguera




Jesus Helguera (1910-1971) è stato un artista messicano le cui opere romantiche e accademiche riflettono un Messico irreale 









Jesús Enrique Emilio de la Helguera Espinoza era figlio dell'economista spagnolo Alvaro Garcia Helguera e  di Maria Espinoza Escarzarga a Chihuahua . Ha vissuto la sua infanzia a Città del Messico e successivamente si trasferì a Córdoba , nello stato di Veracruz . 







La sua famiglia fuggì dalla rivoluzione messicana di Ciudad Real  e, successivamente, si trasferì a Madrid . Jesús primo ha guadagnato interesse per le arti durante la scuola elementare e spesso si trovano in giro per le sale del Museo del Prado Del . All'età di 14 anni, è stato ammesso alla Escuela Superior de Bellas Artes e in seguito ha studiato presso l' Academia de San Fernando .







Jesús ha lavorato come illustratore presso l' Editoriale Araluce lavora su libri, riviste e fumetti , con molte delle sue opere pubblicate fatte a guazzo . E 'diventato un professore di arti visive in un Istituto d'Arte Bilboa all'età di 18 anni e ha lavorato per riviste come Estampa . Helguera è stato costretto a tornare allo stato messicano di Veracruz a causa dello scoppio della guerra civile spagnola e la seguente crisi economica . 








Al suo arrivo , facendo murale era in voga ed è stato assunto da Cigarrera la Moderna , una multinazionale del tabacco , di produrre opere d'arte calendario stampato da Imprenta Galas de Mexico . Molto del suo lavoro riflette il suo fascino con azteca Mitologia , il cattolicesimo , e il paesaggio messicano diverse.








I suoi dipinti hanno mostrato un Messico idealizzato ed è stato il suo approccio romantico che ha dato i suoi quadri l'impatto eroico che alla fine lo ha reso famoso . Nel 1940 , ha creato quello che è probabilmente il più famoso tra i suoi dipinti, La Leyenda de los Volcanes , che si ispira alla leggenda di Popocatépetl e Iztaccíhuatl . E 'stato poi acquistato da Ensenanza Objectiva , un produttore di immagini didattiche per le scuole .










Nessun commento:

Posta un commento