domenica 10 novembre 2013

Il realismo magico di Rob Gonsalves




Rob Gonsales






Pittore canadese del realismo magico, Rob Gonsalves ha una prospettiva ed uno stile unico.Nasce a Toronto nel 1959. Fin dall’infanzia sviluppa  interesse per il disegno. A 12 anni inizia ad interessarsi di architettura e impara le tecniche legate alle prospettive. Inizia cosi a dipingere quegli edifici immaginari che lo seguiranno per tutta la sua carriera.












Finito il college lavora a tempo pieno come architetto, ampliando ulteriormente le sue conoscenze sulle geometrie e le prospettive, che molto utilizzerà nei suoi dipinti. Contemporaneamente realizza murales e scenografie teatrali, fino al 1990, anno nel quale decide di occuparsi di pittura a tempo pieno.











Influenzato da maestri come Magritte, Chris Van Allsburg e, sopratutto, M.C Escher, con le sue intriganti illusioni prospettiche, Gonsalves, con i suoi dipinti, esplora visivamente le possibilità dell’immaginazione, incoraggiando a guardare oltre i confini della vita quotidiana, verso un luogo onirico dove è la fantasia a dettar legge.











Gonsalves trae ispirazione per le sue illusioni dalle azioni quotidiane in cui chiunque si può riconoscere, iniettando in queste scene realistiche un senso di magia.
In tutti i suoi quadri la normalità appare solo per mutare e diventare qualcos’altro.











Anche se il lavoro  di Gonsalves 'è spesso classificato come surreale , si differenzia  dal surrealismo perché le immagini sono deliberatamente pianificate e seguite dal pensiero cosciente.













Le idee sono in gran parte generate dal mondo esterno e coinvolgono le attività umane riconoscibili, utilizzando dispositivi illusionistici attentamente pianificate. Gonsalves inietta un senso di magia in scene realistiche. 













Di conseguenza, il termine "Realismo Magico" descrive il suo lavoro con precisione. Il suo lavoro è un tentativo di rappresentare il desiderio degli esseri umani di credere l'impossibile, di essere aperta alla possibilità.


















robgonsalves.com

2 commenti: