lunedì 16 dicembre 2013

Zayasaikhan Sambuu in arte Zaya

Zayasaikhan Sambuu , noto come Zaya , è nato in una piccola città isolata nel Gobi , sud-occidentale della Mongolia nel 1975 . Durante la sua adolescenza Zaya è stato notevolmente incoraggiato dagli anziani per rappresentare ritratti di divinità buddiste , al fine di recuperare i propri costumi e valori religiosi  vietati dal regime comunista per più di un decennio . 













Zaya è stato introdotto all'arte attraverso il buddismo  e all'età di 15 anni decise di diventare monaco .Tuttavia , dopo aver studiato i testi religiosi tibetani per due anni , si rese conto che aveva un grande interesse per l'arte stessa, piuttosto che della religione . Inoltre , lo stile di vita dei monaci e le rigide regole della religione si sono scontrati con la sua personalità artistica e la mentalità creativa .












All'età di 17 , Zaya iscrive Soyol Fine Art College di Ulaanbaatar per studiare belle arti tradizionali mongole . Dopo aver terminato il college , ha continuato a studiare presso l'Istituto di Belle Arti presso l' Università mongola della Cultura e dell'Arte , laureandosi nel 2002.




Zaya combina  la pittura tradizionale mongola con contemporanea internazionale (in particolare asiatica ) . Il suo metodo unico di usare acquerelli , gouache , pennello e tecnica mista olio su tela , gli permette di illustrare l'antica cultura e il patrimonio della Mongolia e la gente nomade dell'Asia centrale . 












Sebbene le sue opere consistono principalmente di scene di antica vita quotidiana e la ritrattistica esotica della natura , si connette allo spirito del nomade mongolo con arte tibetana e tecniche artistiche tradizionali giapponesi .  











La semplicità della vita quotidiana nomade e del suo rapporto con la natura selvaggia è sempre l'oggetto principale delle sue opere . I suoi dipinti contengono figure femminili  regine e principesse  accompagnate da bestie feroci o animali come leopardi delle nevi, che simboleggiano il collegamento di bellezza alla natura.  I loro costumi e acconciature sono quelli  delle mode tradizionali dell'aristocrazia nomade  della Mongolia .












I suoi dipinti si ispirano anche la storia della Mongolia e il Grande Impero di Gengis Khan . I cavalli sono la sua specialità . I loro occhi sono molto vivaci e umano  . Zaya ama veramente i cavalli come ogni mongolo e li disegna con una grande passione . 













"Dipingo gli stili ed i temi della pittura tradizionale mongolo con l'arte asiatica contemporanea in un ponte tra vecchio e nuova arte . Scene di antica vita quotidiana, echi dei miei nomadi, radici dell'Asia centrale, i temi di spiritualità tibetana e le tecniche tradizionali giapponesi vanno tutti nel mix unico e porta alle mie tele.  Utilizzando una tecnica che fonde acquerelli, gouache, pennello e mixed media, mi funziona con una tavolozza calda ancora un po 'buio. "






















1 commento: