giovedì 25 maggio 2017

Atanasio Tam Austria

L'artista figurativo  Tam Austria  (Tam per Anastacio) ,  nato nel 1943  nelle Filippine  in una famiglia di contadini,  negli anni '50 ha realizzato una pittura a olio altamente realistica di Cristo con una corona di spine. Il parroco, avendo notato i primi segnali del talento artistico in Tam che lo serviva come ragazzo dell'altare, lo ha incoraggiato all'arte. Il generoso sacerdote lo aiutò a vincere una borsa di studio di quattro anni . Nel 1960  il giovane artista  si iscrive all'Università di S. Tomas per la laurea in belle arti. Egli è stato uno standout e facilmente vinto un certo numero di premi per i suoi primi sforzi.  Carlos "Botong" Francisco, artista nazionale dellla pittura,  lo ha in seguito incoraggiato ad unirsi al Museo Ayala come artista e illustratore. Il suo primo progetto era quello di disegnare il plastico del museo della storia filippina. Il suo talento ha catturato l'attenzione della famiglia Zobel de Ayala, patrono d'arte prominente, che gli ha offerto una commissione per fare un murale, insieme a Fernando Amorsolo e Fernando de Ayala, per la Cappella di Sant'Antonio nel Forbes Park.  Nel 1970, ha montato la sua prima mostra alla Galleria di Belle Arti di Marcel a Oakland, in California. Nello stesso anno, ha rappresentato la comunità filippina nel Festival Internazionale d'Arte a Berkeley, in California. Successivamente seguirono mostre a San Francisco, in California, oltre che alla Galleria Hidalgo di Makati (1972), alla Galerie Beue (1973), all'Irta Regency (1975) e al Sining Kamalig (1976). Un alto punto della sua carriera è stata la sua nomination come uno dei cinque finalisti nel 1983 Mobil Art Awards.  Il suo lavoro rivela la preoccupazione di fondere la pittura di con i miti e le leggende del suo popolo, della madre e del figlio, dei contadini, delle loro usanze e tradizioni, del panorama colorato del paesaggio rurale. .
Come riconoscimento della capacità creativa  dell'artista, la Banca di sviluppo delle Filippine lo onorò con il suo premio aziendale, citando due murales, in particolare Balikatan e Pagdiriwang, come "l'episodio della sua arte".
Le figure femminili, spesso descritte con i neonati (una reinvenzione popolare della Madonna e del Bambino), sono ritratti idealizzati della donna filippina, vestite con costumi folcloristici, con capi anche coperti da bandanne native, incorniciate da bambù o steli di legno nativi, circondate dalla bontà della natura come frutta, verdura, pesce e persino gamberetti, tutti nuovamente resi colpiti da trompe l'oeil.
























































































1 commento: