sabato 5 ottobre 2013

Il realismo di Jacob Christian Poen de Wijs



Poen de Wijs, nato a Nijmegen (Olanda) nel 1948, ha studiato alla Royal Academy of Visual Arts di L'Aia, . Vive e lavora a L'Aia.








L'arte di Poen de Wijs si è sviluppata  dall'astratto al realismo, con i suoi primi acquerelli realistici risalenti al 1977. Da allora haprodotto  una considerevole collezione di opere,  oltre 800 pezzi, inizialmente in acquerello, successivamente ad olio, seguita  poi da colori acrilici nel 1999. Ha anche creato un gran numero di litografie (stampe grafiche di pietra)










La sua arte è diventata molto nota, dopo i suoi primi acquerelli realistici, soprattutto dopo i suoi quadri sono stati utilizzati come LP  per il gruppo FLAIRCK . Questo, insieme con le sue mostre di successo in Galleria Steltman, ad Amsterdam (1979-1989) ha contribuito a garantire che si era fermamente stabilito il suo nome.











In un periodo in cui l'arte astratta e pittura sperimentale è stato il tema caldo della giornata, le reazioni al lavoro di Poen variavano enormemente. Non c'erano troppe gallerie, che hanno scelto di esporre l'arte realista, al momento, a causa di una chiaramente divisa "pro" e le campagne di arte realista "anti" e opinioni.










Dal 1990, le sue mostre sono state organizzate dalla Galleria de Twee Pauwen a l'Aia e la galleria Bonnard a Nuenen. A livello internazionale ci sono state molte le imprese con mostre e presentazioni, tra gli altri, Indonesia, Germania (Francoforte, Jade), Svizzera (Interlaken e Bazel), Kenya (Nairobi), Stati Uniti (Chicago, New York), in Austria (Innsbruck), Spagna (Madrid) .












Il suo amore per la musica classica è stato portato in espressione nel tema "Alma Musica" (1993). In "Una vacanza del Kenya" (1995) e "I vestiti della Geisha" (2000), il suo amore per i viaggi e le altre culture è stato accolto. Ha fatto una grande impressione con le sue mostre "Prima Vista, un ritratto del Mini & Maxi" (2002) e "Moments" (2011).










Poen de Wijs non si è mai limitato a una tecnica pittorica o evitato la sperimentazione di tecniche diverse, al contrario, ha costantemente sperimentato ed esplorato nuove tecniche, possibilità e regni.
Ha studiato e imparato l'arte di applicare le antiche tecniche di pittura, pur incorporando le sue possibilità di nuovo sviluppo. 










Il suo stile realistico si è così evoluta con i cambiamenti nella domanda di materiali pittorici. Nel 1998 Poen de Wijs smesso di dipingere con oli e passa ad acrilici. Questo materiale è stato così sviluppato e stabile che potesse continuare a creare tutti gli effetti che aveva precedentemente catturati con oli e ancor più era possibile di prima. Sembrava che potesse anche lavorare bene con l'applicazione di acrilici su antichi papiri.










Un ultimo sviluppo nel suo lavoro è l'uso di vernici acriliche metallici. Egli pone strati di oro, argento e rame dipinge su una sezione della sua pittura sotto. Una persona sarebbe esposta a due completamente diverse immagini e sfumature, a seconda da quale angolazione uno vede l'opera d'arte. Questo effetto metallizzato lucido crea una qualità dimensionale quasi tre.










Circa le sue opere Poen de Wijs aveva molti libri, ebook, film documentari e articoli pubblicati. Ma anche dedicato alla sua abilità nelle discipline di una varietà di tecniche di pittura. Nel corso della sua carriera, i critici d'arte hanno avuto molte opinioni diverse riguardo le sue opere, ma tutti hanno concordato all'unanimità e ha notato l'elevata qualità tecnica come una costante.












































www.poendewijs.nl/









1 commento: